26 - 28 aprile 2014
Testo di Gennaro Colangelo
Regia di Maurizio Palladino
Foto e Grafica di Federico Gnesini
Luci di Francesco Barbera

con Anna Clemente SilveraMaurizio Palladino,Andrea BellessoStefano Moretti e Francesco Tozzi

 

La più famosa scrittrice del Novecento francese, Marguerite Duras, in scena a Roma dal 26 al 28 aprile al Teatro Cometa Off. L’associazione Chai Teatro produce lo spettacolo Duras Mon Amour, drammaturgia originale che ricostruisce gli ultimi mesi di vita della scrittrice. Sullo sfondo di mezzo secolo di storia francese, Duras racconta se stessa, la politica, i mariti, gli amici e il suo ultimo amore Yann, diventando ella stessa personaggio da romanzo.

Tenera e violenta, capace di grande generosità e incontenibili furori, l’autrice de "Il dolore", "L’amante" e tante altre opere di successo, dialoga con i propri fantasmi in un serrato incontro/scontro con gli uomini della sua vita, convinta che la solitudine dell’intellettuale sia la condizione della sua libertà creativa ma anche il duro prezzo da pagare al pubblico e al sistema mediatico famelico e invasivo, portato a divorare i propri idoli.

La lotta contro le ingiustizie sociali e la capacità di battersi per preservare le proprie idee, caratterizzano l’ultima fase di una donna che mantiene la sua lucidità e il suo disprezzo per i mediocri fino alla fine.

Protagonista della pièce l’attrice Anna Clemente Silvera, affiancata da Andrea BellessoMaurizio PalladinoFrancesco Tozzi e Stefano Moretti.




Note di regia
Nelle note di regia di India Song, Marguerite Duras ha scritto che il lavoro «si costruirà a partire dal suono, poi dalla luce».

Così avviene per Duras Mon Amour, dove elementi elusivi e allusivi si combinano e si con-fondono, inquadrando i quadri scenici come tranches de vie degli ultimi mesi di vita della grande scrittrice francese.

Nell’appartamento parigino al n.5 di Rue Saint-Benoit, divenuto negli anni sempre più claustrale, si sviluppa una dialettica notturna frutto di una tortura reciproca, attraverso la lenta discesa agli inferi di due sopravvissuti, in cui il testo dialoga col Cielo mentre la scrittura scenica commercia con l’Inferno.

Al centro del gioco si colloca una figura femminile infelice e vampiresca, adorata da schiere di lettori in tutto il mondo, ma ancora oscillante tra il desiderio di successo e l’indifferenza verso la vita, in equilibrio tra un passato ancora denso di misteri o ambiguità e un presente in cui respinge e insieme ricerca l’attenzione di tutti.

Non pretendiamo che la donna al centro del dramma sia la vera Duras, non esigiamo che venga riconosciuta come la nostra Duras, ma se questo nome famoso include le interpretazioni e i significati che un grande autore ingloba nel suo orizzonte di senso, allora la protagonista in qualche misura è comunque Duras. Eternamente in bilico tra verità e menzogna e quindi perfettamente adeguata al teatro: strumento ineffabile di illusione, menzogna che dice sempre la verità.

Video dello spettacolo:


 
Foto dello spettacolo: